venerdì 13 gennaio 2012

JALA NETI, una purificazione che cura

Qualche anno fa, quando iniziai a fare yoga, la mia insegnante mi mostrò una pratica dalla quale ne appresi subito i benefici e, specialmente in questa stagione, dove soffriamo di disturbi da raffreddamento con naso chiuso, catarro, sinusite, tosse e mal di gola possiamo trarne molto giovamento.

Jala neti è un procedimento mirato alla pulizia e purificazione dei passaggi nasali, fa parte degli shatkarma che, nello yoga, consistono in sei gruppi di pratiche di purificazione ( shat significa "sei" e karma significa "azione")

Questa pratica viene effettuata facendo passare dell'acqua tiepida attraverso le narici tramite uno strumento chiamato lota.

L'acqua dev'essere miscelata a del sale integrale nella proporzione di un cucchiaino per mezzo litro d'acqua.
Ma perchè l'aggiunta del sale? 
Per assicurare che la presione osmotica dell'acqua sia uguale a quella dei nostri fluidi corporei per ridurre al minimo qualsiasi tipo di irritazione della mucosa.

Una volta preparata questa soluzione si può iniziare il procedimento in questo modo: 

stando in posizione eretta sul lavandino, inclinare la testa a destra e appoggiare il beccuccio della lota nella narice sinistra, iniziare a respirare con la bocca e lasciare che l'acqua scorra all'interno del passaggio nasale fino a fuoriuscire dall'altra narice, quando sarà passata circa la metà dell'acqua, togliere il beccuccio, portare la testa al centro, lasciare defluire l'acqua dal naso, eliminare il muco soffiando delicatamente e ripetere dal lato opposto alla stessa maniera. 

Una volta completato il procedimento soffiarsi il naso e asciugare perfettamente le narici, attappandone una alla volta, e facendo delle espirazioni brevi ma energiche fino a quando non fuoriuscirà più acqua.

Jala neti dona moltissimi benefici, rimuove il muco e l'inquinamento dai passaggi e dai seni nasali aiutando ad alleviare allergie, raffreddori e sinusiti oltre a vari disturbi di orecchie, occhi e gola.
Ha un effetto rinfrescante e calmante su infiammazioni dalle adenoidi e delle mucose; inoltre dà una sensazione di leggerezza e freschezza alla testa alleviando l'emicrania. Stimola le varie terminazioni nervose situate nel naso, migliorando le attività del cervello e la salute generale dell'individuo.

Mi piace parlare e raccontare ciò che provo, per poter esprimere al meglio e in verità i benefici delle varie pratiche e ricette che descrivo...in questi giorni che ho sofferto di raffreddore, dolori alla testa e orecchie "sorde" dati dal muco in eccesso, vi posso assicurare che jala neti, fatto mattina e sera, mi ha aiutato parecchio.

Ho cacciato via, ayurvedicamente parlando, kapha sottoforma di   muco,  con questa pratica, dei buoni decotti di zenzero ed eliminando i latticini dalla mia alimentazione con buoni risultati senza usare mucolitici di sintesi chimica :) QUANTE SODDISFAZIONI!

2 commenti:

  1. Ottimo lo jala neti!!! Io da quando lo faccio regolarmente ho azzerato i raffreddori!!! :-) Ma ti chiedo un consiglio... per una costituzione Vata-Pitta meglio non esagerare? O non ci sono indicazioni in merito?
    Ciao e buon lavoro!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao cara, siii jala neti è fantastico! i testi di yoga dicono che quando i dosha sono equilibrati non vi è bisogno di questa pratica, per il resto non credo vi siano problemi...anzi!!! Raffreddore, muco in eccesso, allergie, sinusiti...tutto causato da qualche squilibrio e se pratichi il pranayama i canali vanno purificati...vai tranquilla, magari non eccedere con il sale, solo questo.
    Un abbraccio

    RispondiElimina